Lavoro

immagine articolo

SUCCESSO DELLE LISTE UIL NELLE ELEZIONI PER LE RSU DEL PUBBLICO IMPIEGO

di Uil Nazionale -

Thursday, April 14, 2022

Le liste della Uil hanno messo a segno una grande prestazione nelle recenti elezioni per il rinnovo delle Rsu nel pubblico impiego.


Circa tre milioni di lavoratrici e lavoratori, dal 5 al 7 di aprile, nel segreto dell’urna, hanno scelto i propri rappresentanti sindacali, mettendo in atto un esercizio di grandissima partecipazione democratica in tutti i luoghi di lavoro. Fatto degno di sottolineatura è che tutto ciò è accaduto nonostante la persistenza dell’emergenza pandemica e le grandi difficoltà del momento.


L’importanza di questa consultazione è evidente perché ci consente di effettuare una misurazione precisa e incontestabile della rappresentanza e rappresentatività nel pubblico impiego delle varie sigle sindacali. Allo stato attuale, i risultati continuano ad affluire e non c’è ancora un dato ufficiale sull’esito, ma il trend appare ormai chiaro: la Uil continua la sua crescita ovunque, in tutti i comparti del pubblico impiego, dalla sanità alle autonomie locali, dalle funzioni centrali all’istruzione tutta e alla ricerca. Alcuni dati sono fortemente indicativi, perché il campione a disposizione ci consente di fare raffronti con la precedente tornata elettorale e di registrare un andamento decisamente favorevole.


Continua a rafforzarsi la Uil Fpl, confermando risultati storici come quelli dell’Umbria, della Basilicata e dell’Abruzzo, dove è il primo sindacato sia nelle Autonomie Locali sia nella Sanità. Un primato che, con uno storico risultato, viene conseguito anche al Comune di Firenze oltre che all’Ausl Romagna, l’azienda sanitaria più grande d’Italia con oltre 16.000 dipendenti, e per la prima volta anche in sanità a Napoli e Provincia. Spiccano, inoltre, i risultati del Comune di Torino, con oltre il 37%, del Comune di Venezia, dove viene sfiorato il 40%, del Comune di Bari, con il 46%.


Altrettanto eccezionali sono i risultati della Uilpa: al Mef, uffici centrali, è al primo posto col 35,89%, mentre all’Ispettorato Nazionale del Lavoro ottiene la maggioranza assoluta dei rappresentanti. Prima anche in tantissime sedi periferiche della Pubblica Amministrazione: nelle Dogane di Campania, Lombardia e Lazio, la Uilpa è il primo sindacato, come pure al CNEL, dove sfiora il 50%. Particolarmente degno di nota, infine, il fatto che in alcune strutture, come ad esempio in Prefettura di Milano, nella precedente tornata la sigla non aveva rappresentanti, mentre oggi vince le elezioni. Si va profilando, quindi, una grande affermazione.


Potrebbe essere un record quello della Uil Scuola: è il sindacato, infatti, che, per la sesta volta consecutiva, aumenta i propri consensi. A mano a mano che arrivano i risultati finali, aumenta il numero delle province in cui la Uil Scuola è il primo sindacato in diverse città: Napoli, Enna, Treviso, Trapani, Massa Carrara, Avellino, con dati certi.


La Uil Rua del Comparto Istruzione e Ricerca consolida la sua presenza nelle Rsu, rafforzandosi in tutti i settori della Ricerca, dell’Università e dell’Afam. In particolare, nella Ricerca si evidenziano i risultati dell’Inail di Monteporzio al 70%, del Cnr di Palermo al 47% e dell’Enea di Saluggia al 40%. Nell’Università, grandi risultati a L’Aquila con il 50% dei voti, a Roma 3 con il 45%, a Torino con il 35% e a Verona con una crescita del 12%. Nel settore Afam, eccezionale risultato al Conservatorio di La Spezia, dove la percentuale dei voti raggiunge il 97% dei votanti a favore della Uil, e all’Istituto Musicale di Taranto, dove si sfora il 74% dei consensi.


Un grande successo della Uil, dunque, che consolida e accresce la sua presenza nel pubblico impiego.